Bed and Breakfast Basilica di San Paolo Roma

 

 

B & B Roma Basilica di San Paolo

Home

Benvenuti

Ubicazione

Camere

Come Arrivare

Contatti

Prezzi

Links

Vedere a Roma

 

 

 

 

 

fermata metroMetropolitana

fermata Basilica di San Paolo

Via Ostiense

 

 

 

M San Paolo Basilica

BUS  23  128  670  702  707  715  761  766

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Basilica di San Paolo fuori le mura a Roma

La Basilica di San Paolo fuori le mura è una delle quattro basiliche patriarcali di Roma, la seconda più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano.

Si trova in Via Ostiense, vicino alla riva sinistra del Tevere, a circa due km fuori dalle mura Aureliane uscendo da Porta San Paolo, di fronte al parco Schuster. Si erge sul luogo che la tradizione indica come quello della sepoltura dell'apostolo Paolo; la tomba del santo si trova sotto l'altare maggiore, detto altare Papale. Nel corso dei secoli, è stata sempre meta di pellegrinaggi; dal 1300, data del primo Anno Santo, fa parte dell'itinerario giubilare per ottenere l'indulgenza e vi si celebra il rito dell'apertura della Porta Santa.

 

La costruzione, lunga 131,66 metri, larga 65, alta 29,70, è imponente e rappresenta per grandezza la seconda delle quattro basiliche patriarcali di Roma, ed è una delle più grandi chiese del mondo. L'attuale basilica è una ricostruzione ottocentesca dell'antico edificio paleocristiano, risalente ai tempi di Costantino, che era pervenuto intatto, con le colonne costantiniane e le aggiunte bizantine, rinascimentali e barocche ma andato quasi interamente distrutto da un incendio nel 1823. All'interno, le navate e il transetto sono fregiate dai tondi contenenti i volti di tutti i Pontefici, da San Pietro fino all'attuale Papa Benedetto XVI.

Così racconta Lattanzio: "Frattanto i discepoli, che in quel tempo erano rimasti in undici, scelti Mattia e Paolo al posto del traditore Giuda, si sparsero per tutta la terra a predicare il vangelo, come aveva comandato Cristo, loro maestro e Signore, e per venticinque anni, fino all'inizio del principato di Nerone, gettarono le fondamenta della chiesa per tutte le provincie e le città dell'impero.

Scrive Sulpicio Severo: " Nella persecuzione neroniana furono condannati a morte gli apostoli Paolo e Pietro: al primo fu reciso il capo con un colpo di spada, il secondo fu crocifisso". Paolo, decapitato con un colpo di spada, viene paragonato, da Tertulliano, al Battista: ". nella chiesa Paolo è coronato dello stesso martirio di Giovanni il Battista.". Origene: ". Paolo, che navigò da Gerusalemme all'Illiria per predicare il vangelo di Cristo e che alla fine suggellò la sua predicazione con il martirio nella Roma di Nerone."

Paolo, apostolo, santo, martire, il corpo è custodito sotto l’altare maggiore della Basilica di S. Paolo fuori le mura, opera rimasta illesa dal fuoco del 1285 che distrusse quasi completamente la Basilica nel 1823. Il capo, ritrovato nella Basilica Ostiense, si venera nella Basilica del Laterano.Le reliquie insigni delle teste degli Apostoli Pietro e Paolo, ricordate fin dall’VIII secolo nel Sancta Sanctorum, furono qui spostate da Papa Urbano V.

Alla Basilica di San Paolo è annesso il chiostro e il monastero.

Roma festeggia il 29 giugno di ogni anno i Santi Pietro e Paolo, suoi patroni primari. Speciali cerimonie si svolgono in tutte le chiese cittadine, soprattutto in quelle intitolate ai Principi degli Apostoli
Secondo un’antica e consolidata memoria in Via Ostiense, tra gli odierni numeri civici 106 e 108 e a circa trecento metri dalla Basilica di S. Paolo fuori le mura, avvenne l’ultimo fraterno saluto tra Pietro e Paolo, separati, per essere avviati al martirio.

Nel punto dove avvenne l’ultimo saluto, fu eretta una cappella, poi una chiesetta, detta della "Separazione", sopravvisse fino al novecento; oggi, troviamo solo una lapide posata nell’Anno Santo 1975 che contiene in pochissime parole il ricordo dell’avvenimento:

"Nei pressi di questo sito

una devota cappellina

in onore del Santissimo Crocifisso

demolita agli albori del secolo XX

per l’allargamento della Via Ostiense

segnava il luogo

dove secondo una pia tradizione

i Principi degli Apostoli Pietro e Paolo

vennero separati nell’avvio

al glorioso martirio"

 


Visualizzazione ingrandita della mappa 

A pochi passi alla Basilica tra via Laurentina e via Ostiense si trovano le Catacombe di Santa Tecla .Complesso cimiteriale scoperto ma non riconociuto nel 1703 da Giovanni Marangoni inizialmete definito "al ponticello di S.Paolo" successivamente nel 1870 Mariano Armellini individuò il complesso come Catacombe di Santa Tecla. Solo però a partire dal recente 1961 l'intero complesso venne rimesso in luce.

Le Catacombe di Santa Tecla sono in Via Silvio D’Amico, 42

A pochi minuti troviamo anche l' Abbazia Santuario delle Tre Fontane in via Laurentina 400 Roma. Raggiungibile con la metro fermata Laurentina o con le linee atac 761,716,671,767,707

altre informazioni: www.atac.roma.it

   
hotel albergo
  gifBed and breakfast Roma centro Roma BB italy
Roma Bed and Breakfast All rights reserved.